IL LIBRO DELLA VITA.

“IL LIBRO DELLA VITA” di Lucia Tumino.

 

Pubblicato su L’Idea N.15, VOL. II, 2002, NY

Lucia Tumino, della quale recensii il volume “Il Pensiero del Giorno” nel numero precedente, si presenta con un altro ottimo libro, pubblicato da Gabrieli Editore di Roma, Il Libro della Vita. La grafica è più curata, anche se non condivido le scelte delle illustrazioni che, pur belle, non hanno alcun’attinenza ai versi contenuti in questa raccolta. La pseudo-motivazione dell’editore mi pare solo una scusa per inserire illustrazioni di vari artisti a lui cari: “i disegni contenuti …non sono rivolti ad illustrare i versi dei poeti (che ci fossero altri poeti in questo libro non m’ero accorto), oggi esigenza non più avvertita…”.

In compenso, i versi di Lucia sono vigorosi e trascinanti. La poesia della Tumino è carica di una preponderante amarezza, che è proprio la sorgente dell’intensità dei suoi versi. La vera poesia del resto, non quella ricercata degli accademici, bensì quella spontanea proveniente da un cuore provato, è l’espressione dell’anima e principalmente dei tormenti che essa soffre.

Lucia Tumino riesce a trasporre i propri sentimenti con efficacia, presentandoci contemporaneamente con valide immagini della propria gioventù e della Sicilia di un tempo che fu.

Degni d’attenzione sono i versi di “La Casa dei Ricordi”, che ripercorrono in un fiato l’essenza della vita di Lucia: la gioventù sacrificata, la disillusione causata da un destino crudele ed alfine la tenue speranza che tiene in vita il desiderio di trovare appagamento ai propri bisogni affettivi.

Le tue vecchie mura, sono

impresse nel mio cuore!

Le porte sgangherate

mi davano sostegno.

Le macchie del tuo umido

mi davano calore…!

La luce troppo fioca

m’illuminava il volto,

che, giovane e raggiante,

aspettava l’amore…!

Il mio sguardo ansioso,

s’immergeva ovunque…

fuori dall’abitacolo

degli appannati vetri.

Dietro rete metallica…

allungavo la pupilla!

Dagli spioncini chiusi,

severamente proibiti,

da rigorosi genitori che

proteggevano il mio volto,

guardavo l’orizzonte…,

in pace, anche il tramonto!

Diceva Mamma mia, ch’era

di gran casato…:

“Il volto che non è visto

vale molto di più…”!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

w

Connecting to %s